Il Selfie: cioe masturbarsi pensando a se stessi

Il Selfie: cioe masturbarsi pensando a se stessi

Narcisismo e masturbazione ai tempi di Instagram

Leggevo domenica circa Repubblica – davanti e ultima volta cosicche compro un giornale che ospita la pennacchio di Corrado Augias, impegnato – la trasporto di un scritto a autografo Rebecca Newberger Goldstein sorto sul New York Times di un qualunque giorno fa. Io, cosicche sono di continuo l’ultimo a istruzione le cose, sono tanto venuto a istruzione della mutamento frontiera dell’onanismo dell’occidente: il selfie.

Per esser genuino, proprio avevo coinvolgente questa ragionamento (vile albionismo di desinenza alemanna), bensi nella mia fanciullesca ingenuita l’avevo associata ad una non molti tipo di trastullo, appena una avvicendamento sentivo di Barbie e Furby negli pubblicita televisiva televisivi che riguardo a Italia1 interrompevano la mia idea de I segreti di Twin Peaks (giacche Bim Bum Bam schedulava subito poi Holly e Benji e giacche aveva atto accadere con fissa un me quattrenne a causa di Audrey Horne, al tempo Sheryl Fenn). Invece no: il “selfie” non e prossimo che un autoscatto, per avvio in voga tra le adolescenti giacche si fotografavano allo prospetto a causa di ulteriormente sovrapporre alla scatto cuoricini, frasi sgrammaticate e altre troiate, dunque spazioso alla maggioranza dell’occidente “civilizzato”.

Io non mi reputo un umano particolarmente credulo, eppure ho rimosso tutti gli specchi da casa mia per spavento in quanto il mio alter-ego crudele fuggisse dal ambiente ripercussione e si sostituisse per me nel momento in cui mi radevo, ne permetto in nessun caso affinche mi si fotografi perche, si sa, le fotografie rubano l’anima. Continue reading “Il Selfie: cioe masturbarsi pensando a se stessi”